Martedì, 09 Ottobre 2012 16:33

Lavori di Ristrutturazione e Agevolazioni Fiscali

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Per i Lavori di Ristrutturazione e Agevolazioni Fiscali è il Decreto Legge n. 83/12, entrato in vigore il 26 giugno 2012 con succ. mod. ed integr. a sancire le "Misure urgenti per la crescita del Paese".

 

Prescindendo tutta la normativa, gli obiettivi principali sono:

  • il rilancio del settore dell’edilizia;
  • l'introduzione di nuovi strumenti di finanziamento;
  • l'accesso al credito per le imprese;
  • le misure per il sostegno alla realizzazione delle infrastrutture energetiche.

Infatti, tale decreto legge ripropone gli incentivi anche per la riqualificazione energetica.

Preventivi Edili

Per quanto concerne le agevolazioni fiscali per lavori in casa di ristrutturazione e riqualificazione energetica, è confermata la disciplina della precedente legge sugli incentivi fiscali per le spese di ristrutturazione della casa e/o edilizia.

Altre notizie importanti le leggi cliccando su Lavori di Ristrutturazione e Agevolazioni Fiscali

La soglia di detrazione Irpef si attesta al nuovo punto percentuale del 50% dal 26 giugno 2012 fino al 30 giugno 2013 e per lavori fino a 96 mila euro poi estesa a tutto il 2015 e per lo stesso importo. Negli anni scorsi era al 36% e fino a 48 mila euro, il tutto finalizzato ad incentivare i lavori di ristrutturazione edilizia.

 


Dal 1 gennaio 2013 al 30 giugno 2013, inoltre, si avrà la detrazione di imposta del 50 per cento per le spese per interventi di riqualificazione energetica, mentre resterà fino al 31 dicembre 2012 pari al 55%.

In pratica i due valori suddetti, per i lavori di ristrutturazione e per i lavori di riqualificazione energetica, dal 1 gennaio 2013 al 30 giugno 2013 (e fino ad oggi) si allineano al medesimo punto percentuale = 50% .

La detrazione va ripartita in 10 rate e si calcola su un importo massimo di spesa pari a:

  • 96.000 euro, per le spese sostenute fino al 30 giugno 2013
  • 48.000 euro, per le spese sostenute dal primo luglio 2013

Per il rilancio dell’edilizia in caso di cessioni e locazioni, di nuove costruzioni da parte diImprese o Consorzi, con destinazione ad uso abitativo, l'attuale normativa prevede oltre il termine di cinque anni dalla costruzione, l'esenzione dell' IVA. Tale legge vieta di portare a compensazione l’IVA pagata per la realizzazione dell’opera da parte delle imprese esecutrici, se questa viene venduta o affittata dopo il termine di cinque anni. In altre parole l’IVA rimane quindi a carico degli imprenditori edili e non vi è più il limite temporale dei 5 anni.

Nella fattispecie, le Imprese od i Consorzi si avvalgono sempre della compensazione IVA, sempre per la cessione o la locazione di nuove abitazioni con acquisto diretto con i costruttori.

Autorizzazioni e certificazioni sono contemplate nel provvedimento suddetto, semplificando sempre di più la burocrazia dei documenti.

 

Fonte: www.governo.it

 


 

Architetto Enrico Mecheri 

 

 

Clicca qui per il Servizio Gratuito Calcolo Costi Lavori in Casa di Ristrutturazione.

 

 

Articoli correlati


 

I lavori edilizi ammessi alle agevolazioni fiscali

 

Cosa fare per fruire della detrazione e possibilità di perderla

 

Cambio del possesso e cumulabilità Irpef per il risparmio energetico

 

Modalità e adempimenti

Letto 2657 volte Ultima modifica il Mercoledì, 22 Luglio 2015 16:41
Devi effettuare il login per inviare commenti