user_mobilelogo
Mercoledì, 20 Maggio 2020 11:10

Sisma Bonus: Detrazioni per Acquisto Case Antisismiche

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

 

Quando si possono avere le detrazioni per acquisto case antisismiche?

E' l’art. 16-bis del Dpr 917/86 a disciplinare l’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare. Il legislatore ha apportato la modifica per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2020 per le quali, è possibile usufruire di una detrazione più elevata (50%) e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro. La ripartizione della detrazione è  in

10 quote annuali di pari importo.

È prevista, inoltre, una detrazione Irpef, entro l’importo massimo di 96.000 euro, anche per chi acquista fabbricati a uso abitativo ristrutturati.
In particolare, la detrazione spetta nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano entro 18 mesi dalla data di termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile.
Indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, l’acquirente o l’assegnatario dell’immobile deve comunque calcolare la detrazione su un importo forfettario, pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’abitazione (comprensivo di Iva). Anche questa detrazione va ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

Gli interventi edilizi con demolizione e ricostruzione di interi edifici, che danno diritto alle più elevate detrazioni del 70 o dell’80% per la riduzione del rischio sismico, ricadenti nei Comuni in zone classificate a rischio sismico 1, prevedono per chi compra l’immobile nell’edificio ricostruito, può usufruire di una detrazione pari al 75% del prezzo di acquisto della singola unità immobiliare, come riportato nell’atto pubblico di compravendita, qualora dalla realizzazione degli interventi deriva una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio a una classe di rischio inferiore

Quanto sopraddetto raggiunge una detrazione pari al 85% del prezzo della singola unità immobiliare, per la realizzazione degli interventi che comportano una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio a due classi di rischio inferiore.

N.B.: il decreto legge n. 34/2019 ha esteso queste detrazioni agli interventi effettuati nei Comuni che si trovano in zone classificate a rischio sismico 2 e rischio sismico 3.

La detrazione è ripartita in 5 rate annuali di pari importo e la spesa su cui applicare la percentuale non può superare il limite di 96.000 euro per unità immobiliare e per ciascun anno. La classificazione delle zone a rischio sono quelle individuate dall’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3519 del 28 aprile 2006, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 108 dell’11 maggio 2006. La ricostruzione dell’edificio può determinare anche un aumento volumetrico rispetto a quello preesistente, sempre che le norme urbanistiche in vigore permettano tale variazione. Gli interventi, inoltre, devono essere eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, che provvedano, entro 18 mesi dalla data di conclusione dei lavori, alla successiva alienazione dell’immobile.

Per la cessione del credito, non è possibile effettuare la cessione nei confronti di istituti di credito e intermediari finanziari.

I beneficiari di queste agevolazioni possono decidere, in luogo della detrazione, di cedere il credito corrispondente solo alle imprese che hanno effettuato i lavori o ad altri soggetti privati, che a loro volta hanno la possibilità di cedere il credito ricevuto. 

Fonte: governo.it

 

 

Letto 343 volte Ultima modifica il Mercoledì, 20 Maggio 2020 12:34
Devi effettuare il login per inviare commenti