user_mobilelogo
Lunedì, 15 Giugno 2020 12:50

Lettera d'incarico Professionale/Offerta per Accertamento di Conformità ai sensi dell'art. 36 e 37 del D.P.R. 380/01

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

 

Con la premessa che il presente articolo deve considerarsi una bozza per redigere una lettera di incarico professionale per l'accertamento di conformità ai sensi dell'art. 36 e 37 del DPR 380/01, per la sanatoria di un balcone e 2 muri divisori presenti nel vano cucina, si riportano in basso integralmente gli articoli predetti. Si sottolinea che la norma nazionale, quasi sempre, subisce restrizioni o divieti assoluti dettati dalle Norme Tecniche di Attuazione dei PUC (Piani Urbanistici Comunali).

 

Oggetto: Lettera di incarico con “Offerta per la pratica Accertamento di Conformità resa ai sensi

 dell'art. 36 e 37 del DPR 380/01 comprensiva del Docfa e dell'APE (attestazione prestazione energetica per l'unità immobiliare per civili abitazioni sita in Milano, in Via Condotti n. 7 cap 00187Milano – 3° piano allibrata al N.C.E.U Comune di Milano Sez. ... Foglio 13 Part.lla 7 Sub. 68 .

 

 

            Il sottoscritto Mario ROSSI Architetto, nato a ........ il .../.../...... dai dati indicati in epigrafe (si intende riportati in calce su carta intestata), per gli incarichi di cui all'oggetto, sottopone alla Dott.ssa Anna ROSSI in qualità di Proprietaria/Committenza, nata a ....................... il .../.../...... cod. fisc.: .......................................... il seguente operato:

 

 

  1. Elaborazione pratica Accertamento di Conformità per la sanatoria del balcone e delle 2 pareti divisorie nel vano cucina, comprensiva di tutte le spese accessorie per le operazioni peritali interne ed esterne all'appartamento, di accesso presso gli uffici pubblici e di copisteria consistente in:

- sopralluogo per rilievo metrico e fotografico;

- elaborazione dello Stato di Fatto;

- elaborazione del Progetto (uguale allo Stato di Fatto) comprensivo di piante, sezioni, prospetti con le misure e relazione tecnica-illustrativa;

- elaborazione pratica con firma digitale per la registrazione on-line al SUAP Comune di ............... oltre copia cartacea.

 

Euro 1900,00 (anziché euro 2000,00)

a riportare Euro 1900,00

escluso versamento diritti di segreteria euro .....,00 

escluso versamento sanzione pecuniaria euro .....,00

 

 

2) Scheda Docfa (accatastamento Agenzia del Territorio):

Euro 450,00 (anziché 500,00)

 

a riportare Euro 450,00

escluso versamento diritti di segreteria (euro 50,00)

 

 

 

3) Redazione Attestato di Prestazione Energetica APE valido per 10 anni.

Euro 250,00 (anziché 300,00)

a riportare Euro 250,00

 

 

4) Elaborazione Calcoli Strutturali per il balcone di dimensioni ml 6,72 x 0,83 ml con verifica a sbalzo e collaudo al Genio Civile a firma dell'ingegnere proposto dallo scrivente

Euro 1300,00 (anziché 1500,00)

a riportare Euro 1300,00

escluso oneri al Genio Civile (euro 200,00)

 

5) Modalità di pagamento: da concordare per l'inizio dei lavori e saldo per la consegna delle pratiche protocollate.

 

6) Condizioni di pagamento: da concordare a mezzo assegno o bonifico bancario.

 

7) Tempi di consegna: entro 45 giorni mese o nel minor tempo possibile.

 

8) Escluso tutto quanto non previsto nella presente offerta.

 

In attesa di Suo riscontro, si porgono distinti saluti

 

Il Tecnico

 

Arch. Mario ROSSI

 

 

 

_________________________________

 

Il Committente

Dott. ssa Anna ROSSI

 

 

 

 

_____________________________________

 

 

 

 

La prestazione é soggetta agli oneri previdenziali InarCassa ed è in regime forfettario.

 

Allegati:

 

Tabelle per i diritti di segreteria Comune di Milano, Agenzia del Territorio, Genio Civile Lombardia, Art. 37 Dpr 380/01 Sanzioni pecuniarie.

 

 

 

 Art. 36 (L) - Accertamento di conformità

1. In caso di interventi realizzati in assenza di permesso di costruire, o in difformità da esso, ovvero in assenza di segnalazione certificata di inizio attività nelle ipotesi di cui all'articolo 23, comma 01, o in difformità da essa, fino alla scadenza dei termini di cui agli articoli 31, comma 3, 33, comma 1, 34, comma 1, e comunque fino all’irrogazione delle sanzioni amministrative, il responsabile dell’abuso, o l’attuale proprietario dell’immobile, possono ottenere il permesso in sanatoria se l’intervento risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della domanda.

2. Il rilascio del permesso in sanatoria è subordinato al pagamento, a titolo di oblazione, del contributo di costruzione in misura doppia, ovvero, in caso di gratuità a norma di legge, in misura pari a quella prevista dall'articolo 16. Nell’ipotesi di intervento realizzato in parziale difformità, l'oblazione è calcolata con riferimento alla parte di opera difforme dal permesso.

3. Sulla richiesta di permesso in sanatoria il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale si pronuncia con adeguata motivazione, entro sessanta giorni decorsi i quali la richiesta si intende rifiutata.

 

Art. 37 (L) Interventi eseguiti in assenza o in difformità dalla segnalazione certificata di inizio attività e accertamento di conformità

(art. 4, comma 13 del decreto-legge n. 398 del 1993; Art. 10 della legge n. 47 del 1985)

 

1. La realizzazione di interventi edilizi di cui all'articolo 22, commi 1 e 2, in assenza della o in difformità dalla segnalazione certificata di inizio attività comporta la sanzione pecuniaria pari al doppio dell'aumento del valore venale dell'immobile conseguente alla realizzazione degli interventi stessi e comunque in misura non inferiore a 516 euro.

2. Quando le opere realizzate in assenza di segnalazione certificata di inizio attività consistono in interventi di restauro e di risanamento conservativo, di cui alla lettera c) dell'articolo 3, eseguiti su immobili comunque vincolati in base a leggi statali e regionali, nonché dalle altre norme urbanistiche vigenti, l'autorità competente a vigilare sull'osservanza del vincolo, salva l'applicazione di altre misure e sanzioni previste da norme vigenti, può ordinare la restituzione in pristino a cura e spese del responsabile ed irroga una sanzione pecuniaria da 516 a 10329 euro.

3. Qualora gli interventi di cui al comma 2 sono eseguiti su immobili, anche non vincolati, compresi nelle zone indicate nella lettera A dell'articolo 2 del decreto ministeriale 2 aprile 1968, il dirigente o il responsabile dell'ufficio richiede al Ministero per i beni e le attività culturali apposito parere vincolante circa la restituzione in pristino o la irrogazione della sanzione pecuniaria di cui al comma 1. Se il parere non viene reso entro sessanta giorni dalla richiesta, il dirigente o il responsabile dell'ufficio provvede autonomamente. In tali casi non trova applicazione la sanzione pecuniaria da 516 a 10329 euro di cui al comma 2. 4 6

4. Ove l'intervento realizzato risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dell'intervento, sia al momento della presentazione della domanda, il responsabile dell'abuso o il proprietario dell'immobile possono ottenere la sanatoria dell'intervento versando la somma, non superiore a 5164 euro e non inferiore a 516 euro , stabilita dal responsabile del procedimento in relazione all'aumento di valore dell'immobile valutato dall'agenzia del territorio.

5. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 23, comma 6, la segnalazione certificata di inizio attività spontaneamente effettuata quando l'intervento è in corso di esecuzione, comporta il pagamento, a titolo di sanzione, della somma di 516 euro .

6. La mancata segnalazione certificata di inizio attività non comporta l'applicazione delle sanzioni previste dall'articolo 44. Resta comunque salva, ove ne ricorrano i presupposti in relazione all'intervento realizzato, l'applicazione delle sanzioni di cui agli articoli 31, 33, 34, 35 e 44 e dell'accertamento di conformità di cui all'articolo 36.

 

 

 

Letto 124 volte Ultima modifica il Martedì, 16 Giugno 2020 16:45
Devi effettuare il login per inviare commenti