Con il D.Lgs. 63/2013  l’Attestato di Prestazione Energetica, in acronimo APE, sostituisce l'ACE (Attestato di Certificazione Energetica). L'APE si applica a tutte le categorie di edifici di cui all’articolo 3, del Decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, avremo, pertanto sia l'Ape per edifici residenziali e sia l'APE per edifici non residenziali e cioè:

 

E.1

Edifici adibiti a residenza e assimilabili:

E.1 (1)

abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo, quali abitazioni civili e rurali, collegi, conventi, case di pena, caserme;

E.1 (2)

abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria, quali case per vacanze, fine settimana e simili;

E.1 (3)

edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari;

E.2

Edifici adibiti a uffici e assimilabili: pubblici o privati, indipendenti o contigui a costruzioni adibite anche ad attività industriali o artigianali, purché siano da tali costruzioni scorporabili agli effetti dell’isolamento termico;

E.3

Edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili ivi compresi quelli adibiti a ricovero o cura di minori o anziani nonché le strutture protette per l’assistenza ed il recupero dei tossico-dipendenti e di altri soggetti affidati a servizi sociali pubblici;

E.4

Edifici adibiti ad attività ricreative o di culto e assimilabili:

E.4 (1)

quali cinema e teatri, sale di riunioni per congressi;

E.4 (2)

quali mostre, musei e biblioteche, luoghi di culto;

E.4 (3)

quali bar, ristoranti, sale da ballo;

E.5

Edifici adibiti ad attività commerciali e assimilabili: quali negozi, magazzini di vendita all’ingrosso o al minuto, supermercati, esposizioni;

E.6

Edifici adibiti ad attività sportive:

E.6 (1)

piscine, saune e assimilabili;

E.6 (2)

palestre e assimilabili;

E.6 (3)

servizi di supporto alle attività sportive;

E.7

Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili;

E.8

Edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali e assimilabili.

 
Non rientrano nelle categorie suddette i  box, le cantine, le autorimesse, i parcheggi multipiano, i depositi, le strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi, ecc. se non limitatamente alle porzioni eventualmente adibite ad uffici e assimilabili, purché scorporabili agli effetti dell’isolamento termico.

 

Fonte: www.governo.it

 


Ufficio Tecnico ConsiEdilizia.it

 

Articoli correlati

 

 

Chiedi l'Attestato di Prestazione Energetica - D.L. 63/2013

 

Venerdì, 14 Marzo 2014 08:28

1 Raggio di Sole per Rilanciare il Paese

Scritto da

Il Governo Renzi, con le preannunciate misure previste, è assimilabilabile ad 1 raggio di Sole per rilanciare il paese.

Trattasi di misure appunto, e a tutt'oggi siamo in attesa di provvedimenti ufficiali e decreti leggi. 

Di seguito elenchiamo gli argomenti del Consiglio dei Ministri n. 6 del 12 marzo 2014 :

Ristrutturazione Casa

Sempre più semplificati e ridotti gli adempimenti negli ultimi anni per fruire della detrazione fiscale per chi ristruttura la casa. La riduzione degli adempimenti 

Per la Legge 221/2012, entrata in vigore il 1 gennaio 2014 sono molti  dubbi e le querelle pervenute in redazione in questi giorni, pertanto è doveroso una news per i nostri lettori.

Secondo il MISE acronimo di Ministero dello Sviluppo Economico, per i Pagamenti con il POS, obbligatorio per professionisti e commercianti, l'entrata in vigore si avrà

Lunedì, 18 Novembre 2013 10:17

Calcolo Imposta Unica Comunale - ConsiEdilizia.it

Scritto da

Nuovo Calcolo IUC  2014

Calcolo IUC 

 

Nel ricordare che la Tares (tassa sui rifiuti e sui servizi comuni indivisibili) ha sostituito Tarsu e Tia, bisogna ammettere che l'imposta sugli immobili e sui terreni è davvero lievitata in maniera sproporzionata, e definita dalle varie trasmissioni "una tassa iniqua".

Di seguito, per la crescente richiesta in forum ed in redazione, si riporta un fac simile accertamento di conformità, in ottemperanza ai dettami del d.p.r. 380/01. In realtà, molto comuni, predispongono un loro fac simile per presentare la domanda di Dia in sanatoria. E' opportuno svolgere le opportune ricerche al momento del conferimento dell'incarico recandosi personalmente presso l'ufficio tecnico, oppure verificando la disponibilità dei modelli predisposti sui siti delle amministrazioni comunali.

 

RELAZIONE TECNICA

 

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA’

ai sensi dell’art. 36 D.P.R. 380/2001

 

D.I.A. in Sanatoria

 

DATA DEL  PROTOCOLLO

 

Nome e cognome ______________________________ nato a ______________________

il _______________, iscritto all’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti,  e Conservatori della Provincia di Roma al n° _______,

cod. fisc.:__________________________,

residente in________________________con studio in Via ____________________________c.a.p.________________, in qualità di tecnico;

incaricato dal Sig. ________________________________ in qualità di proprietario e avente titolo dell’immobile sito in Cassino (ROMA) , Via ______________________________ n°_______, piano_____, int.______, scala_______distinto all’Agenzia del Territorio al foglio _______, part.lla ______sub._______, cat. ________________;

in qualità di persona esercente un servizio di pubblica necessità, ai sensi dell’art. 29 comma 3 del D.P.R. 380/01 s.m.i. e degli articoli 359 e 481 del codice penale, consapevole delle sanzioni penali nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall’art. 76 del del d.p.r. 445/00

DICHIARA

STATO DEI LAVORI

 

 che i lavori:

non sono in corso e quindi trattasi di interventi già realizzati;

sono in corso e quindi trattasi di interventi in parte già realizzati ed in parte da realizzare;

 

DESTINAZIONE URBANISTICA

che secondo gli strumenti urbanistici vigenti al momento della realizzazione degli interventi, l’immobile ricadeva in area avente destinazione urbanistica________________________________;

che secondo le previsioni del P.R.G. vigente dl Comune di Casavatore l’immobile ricade in area avente destinazione urbanistica___________________e quindi non rientrante nei Piani di Zona per l’edilizia economica e popolare di cui alla l.n. 167/62 s.m.i.

 

 

DESTINAZIONE D’USO DELL’IMMOBILE

 

che l’immobile in base alla classificazione di cui all’art. 6 comma 1 delle N.T.A. del P.R.G. vigente ha destinazione d’uso e/o destinazioni d’uso:

 

Abitativa

abitazione singola (CU/b);

abitazione collettiva (CU/b);

Commerciale

piccola struttura di vendita (CU/b);

media struttura di vendita (CU/m);

grande struttura di vendita (CU/a);

 

Servizio

direzionale privato (CU/b);

artigianato di servizio (CU/b);

studio d’artista (CU/b);

pubblici esercizi (CU/m);

servizi al e persone (CU/m);

sportelli tributari, bancari e finanziari (CU/m);

sede della pubblica amministrazione e del e pubbliche istituzioni nazionali, estere e sopranazionali (CU/m);

attrezzature culturali esclusi i teatri (CU/m);

attrezzature religiose (CU/m);

attrezzature col ettive con SUL fino a 500 mq (CU/m);

attrezzature col ettive con SUL oltre 500 mq (CU/a);

 

Turistico-ricettive

struttura ricettiva alberghiera fino a 60 posti letto (CU/b);

struttura ricettiva alberghiera oltre 60 posti letto e motel (CU/m);

struttura ricettiva extra-alberghiera fino a 60 posti letto e ostelli (CU/b);

struttura ricettiva extra-alberghiera oltre 60 posti letto (CU/m);

struttura ricettiva all’aria aperta (CU/m);

 

Produttiva

artigianato produttivo (CU/m);

industria (CU/m);

commercio al ’ingrosso (CU/m);

deposito e magazzino (CU/m);

 

Agricola

abitazione agricola (CU/b);

attrezzature per la produzione agricola e la zootecnica (CU/b);

impianti produttivi agro-alimentari (CU/b);

 

Parcheggi

non pertinenziali (CU/nullo);

pertinenziali (CU/nullo);

 

 

 

LEGITTIMITA’ DELLE PREESISTENZE

 

 

che l’immobile risulta legittimamente realizzato, legittimato:

 con licenza edilizia n._____del _________;

 con concessione edilizia n._____del _________;

 con permesso di costruire n._____del _________;

antecedentemente all’anno 1934, come da documentazione probante allegata, (foto aerea, titoli di

proprietà, ecc.), con la consistenza data dalla planimetria catastale d’impianto

(anno 1939/40), scheda n.______________del_________________;

 concessione/i in sanatoria rilasciata/e ai sensi della l.n. 47/85 – l.n. 724/94 – l.n. 326/03 e l.r. 12/04:

 

n.________________del_________________;

n.________________del_________________;

n.________________del_________________;

n.________________del_________________;

 

 

 

che per l’immobile:

non è stato rilasciato certificato d’agibilità/abitabilità;

è stato rilasciato certificato d’agibilità/abitabilità n.________del________;

 

 

che l’immobile è stato successivamente oggetto di:

Comunicazione inizio lavori/comunicazione inizio lavori asseverata (C.I.L./C.I.L.A.)

prot. n.__________del _________;

Segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) prot. n.___________del _________;

Denuncia di inizio attività (D.I.A.) prot. n.__________del _________;

ALTRO______________________;

 

che l’attuale stato dei luoghi è conforme ai titoli su indicati, fatte salve le difformità oggetto del presente accertamento di conformità.

 

OPERE GIA’ ESEGUITE IN ASSENZA DI TITOLO ABILITATIVO, OGGETTO DEL PRESENTE ACCERTAMENTO DI CONFORMITA’

 

 

 che sono state eseguite le seguenti opere:

(EPOCA DELL’ABUSO________________________________)

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

 

che gli interventi e le opere eseguite:

 non hanno comportato modifiche al a sagoma del ’edificio;

hanno comportato modifiche alla sagoma dell’edificio;

 

 non hanno comportato modifiche al volume dell’edificio;

hanno comportato modifiche al volume dell’edificio;

 

 non hanno comportato modifiche ai prospetti dell’edificio;

hanno comportato modifiche ai prospetti del ’edificio;

 

 non hanno comportato il numero del e unità immobiliari;

 hanno comportato il numero del e unità immobiliari;

 

 non hanno comportato aumento della superficie utile lorda;

hanno comportato l’aumento della superficie utile lorda;

 

 non hanno modificato la destinazione d’uso del ’immobile;

 hanno modificato la destinazione d’uso del ’immobile;

 

non necessitano di atto d’obbligo e/o atto d’impegno;

necessitano di atto d’obbligo e/o atto d’impegno;

 

necessitano di modifica dell’atto d’obbligo repertorio n°__________del__________trascritto il_______________;

 

 

che si intendono eseguire, a completamento, le seguenti opere:

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________

 

 

che gli interventi e le opere da eseguire:

 

non comportano modifiche alla sagoma dell’edificio;

comportano modifiche alla sagoma dell’edificio;

 

 

non comportano modifiche al volume dell’edificio;

comportano modifiche al volume dell’edificio;

 

 

non comportano modifiche ai prospetti dell’edificio;

comportano modifiche ai prospetti dell’edificio;

 

 

non aumentano il numero delle unità immobiliari;

aumentano il numero delle unità immobiliari;

 

 

non comportano aumento della superficie utile lorda;

comportano l’aumento della superficie utile lorda;

 

 

non modificano la destinazione d’uso dell’immobile;

modificano la destinazione d’uso dell’immobile;

 

non necessitano di atto d’obbligo e/o atto d’impegno;

necessitano di atto d’obbligo e/o atto d’impegno;

 

 

necessitano di modifica dell’atto d’obbligo repertorio n°__________del__________trascritto il_______________;

 

 

 

VINCOLI E TUTELE

 

 

che l’immobile:

non è soggetto a vincoli di tutela dei beni culturali, paesaggistici (ai sensi d.l. 42/04 s.m.i.), delle aree protette (ai sensi l.n. 394/91 s.m.i.), della difesa del suolo e tutela delle acque (d.lgs. 152/06 s.m.i.),

né a vincoli di altra natura;

è soggetto a vincoli, secondo quanto asseverato nell’allegato prospetto:

 

non è necessaria l’autorizzazione/nulla osta o altri atti di assenso per espressa previsione di norma;

 

è/sono stata/e acquisita/e la/e relativa/e autorizzazioni/nulla osta o altri atti di assenso, così come

riportato nell’allegato prospetto vincoli

 

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

 

che l’intervento relativamente al contributo di costruzione (CC) di cui agli artt. 16, 17 e 19 del D.P.R. 380/01

s.m.i.:

 

non è soggetto al pagamento dell’ onere di urbanizzazione primaria;

 

è soggetto al pagamento dell’onere di urbanizzazione primaria (Oup) determinata secondo le Delibere

 

Comunali/Capitoline vigenti, così come da calcolo analitico di seguito riportato__________________

_______________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________

 

 

non è soggetto al pagamento dell’ onere di urbanizzazione secondaria;

 

è soggetto al pagamento dell’onere di urbanizzazione secondaria (Ous) determinata secondo le Delibere

 

Comunali/Capitoline vigenti, così come da calcolo analitico di seguito riportato__________________

_______________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________

 

non è soggetto al pagamento del contributo afferente il costo di costruzione;

 

è soggetto al pagamento del contributo afferente il costo di costruzione (Ccc) determinato sulla base dell’allegato

 

computo metrico estimativo redatto con il prezziario ufficiale Regionale ed in conformità alle Delibere

Comunali/Capitoline vigenti, così come da calcolo analitico di seguito riportato__________________

_______________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________

 

 

Pertanto il contributo di costruzione totale risulta: (CC) = Oup + Ous + Ccc = ____________________€

 

 

CONTRIBUTO STRAORDINARIO DI URBANIZZAZIONE

 

 

non necessita del contributo straordinario (CS) ai sensi dell’art. 20 delle N.T.A. del P.R.G. vigente;

 

necessita del contributo straordinario (CS) ai sensi dell’art. 20 delle N.T.A. del P.R.G. vigente, così come da calcolo

 

analitico di seguito riportato________________________________________________________

_____________________________________________________________________________

______________________________________________________________________________

 

 

 

OBLAZIONE

 

che gli interventi, rientrando nei casi di cui agli artt. 16 e 18 della l.r. 15/08 s.m.i., ai sensi

dell’art. 22 della medesima legge regionale sono subordinati al pagamento a titolo di oblazione:

 

di un importo pari al doppio dell’incremento di valore di mercato dell’immobile

conseguente alla esecuzione delle opere, determinato con riferimento alla data

di applicazione dell’oblazione, in applicazione anche della D.A.C. 44/11, così come da

calcolo analitico di seguito riportato di un importo pari al triplo del costo di costruzione

delle opere realizzate, in quanto in relazione alla tipologia dell’intervento eseguito

non è possibile determinare l’incremento di valore di mercato, in

applicazione anche della D.A.C. 4/11, così come da calcolo analitico di

seguito riportato ______________________________________________________;

 

 

 

 

ASSEVERA

 

 

  • che gli interventi, ai sensi dell’art. 481 c.p. sono conformi e non in contrasto alle prescrizioni dettate dagli strumenti urbanistici approvati, non in contrasto con quelli adottati e con il regolamento edilizio vigente nonché alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente al momento dell’esecuzione degli stessi;

  • che gli interventi sopra descritti, rispettano le norme di sicurezza e di quelle igienico-sanitarie;

  • che gli impianti sono eseguiti nel rispetto della normativa vigente.

 

 

 

IL TECNICO

 

 

 

 

Allegati:

Lettera d’incarico del proprietario;

Copia del titolo di proprietà;

Copia C.I del proprietario;

Copa C.I. del sottoscrittore.

 

Fonte: Allegati ministeriali d.p.r. 380/01


 

Ufficio Tecnico ConsiEdilizia.it

In assenza od in difformità della segnalazione certificata inizio attività , è il quesito che più volte molti utenti hanno scritto in forum od in privato in redazione, per ragguagli su come regolarizzare la loro posizione per interventi eseguiti sulle loro unità immobiliari o ville private. 

Lavori Condominiali - Proroga Ecobonus

Il nuovo anno inizia con la certezza della proroga per le detrazioni inerenti lavori di ristrutturazoni in casa e/o finalizzati all'efficienza energetica.

Secondo la Legge di Stabilità, varata dal Governo il 15 ottobre 2013, 

Con risoluzione n. 33/E del 21 maggio 2013, l'Agenzia delle Entrate ricodifica i nuovi codici tributo per il calcolo imu 2013 per gli immobili