enrico mecheri architetto

enrico mecheri architetto

 

Il presente progetto si riferisce all'installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione individuale del calore nell'edificio con 35 unità immobiliari distribuite su 7 piani. La struttura del manufatto edilizio è in cls armato e solai misti di tipo cls armato e laterizi. Le tompagnature esterne sono con blocchi di mattoni in laterizio forati e camera d'aria da 8 cm.

Il riscaldamento è di tipo centralizzato con rete di distribuzione a colonne montanti verticali. L'impianto di riscaldamento attuale è dotato di

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DLgs.Vo n. 141 del 18 luglio che rappresenta il Decreto Correttivo sull'efficienza energetica del 4 luglio 2014, n. 102. Nel precedente articolo sono stati chiariti gli adempimenti per i condomini dotati di impianto di riscaldamento centralizzato a caldaia con montanti verticali.

La legge è in vigore dal 26 luglio 2016. Poniamo attenzione alle rettifiche su:

Il 21 agosto 2016 , Coral Club International, ha scelto la location del Castello Medioevale di Lettere per il convegno: "Concetto della Salute e L'importanza dell'Acqua".

Di seguito il programma:

Nei precedenti articoli, si è più volte spiegato che l'intonaco premiscelato a base di cementi, per quanto possa essere di elevate prestazioni tecniche, è soggetto nel tempo al degrado materico per le intemperie. Ed è il caso del condominio in questione, oggetto di intervento per la messa in sicurezza per eliminare il pericolo di crollo di cornicioni e velette di sottomurazione. L'impresa edile del Geom. Armando Pirone & CO. , ha scelto

Lunedì, 20 Maggio 2013 14:31

Piastrelle di Qualità - ConsiEdilizia.it

10 requisiti fondamentali, per valutare piastrelle di qualità. I dati tecnici sono riportati nei cataloghi o sulle scatole e sono il frutto di prove di laboratorio e tests eseguiti secondo le normative europee, a marchio CEE.

Molto spesso, per approvvigionarsi la fornitura su di un cantiere nel minor tempo possibile o per la fretta di terminare i lavori in casa, trascuriamo le prestazioni delle piastrelle riportate nei seguenti punti:

Lunedì, 09 Maggio 2011 09:39

Biomattone

alt

 

 

Il Biomattone

 

Molto tempo fa, per le costruzioni, sia portanti che di rivestimento , si impiegava esclusivamente il mattone in laterizio, ricavato dalla cottura di argille con quantità variabili di sabbia, ossido di ferro, e carbonato di calcio.

Ancora alla base delle moderne tecniche delle opere edilizie, i laterizi in linea generale, sono pratici per la loro leggerezza, resistenza, facilità di lavorazione ed anche modesto costo rispetto agli altri materiali da costruzione.

 

Nell'ultimo lustro, la ricerca e le prove di laboratorio, con la miscela della parte legnosa di canapa, acqua ed un legante a base di calce, ha sviluppato il biomattone, già largamente diffuso e utilizzato in Gran Bretagna e in Francia e presto prodotto e commercializzato in Italia. Esso si distingue per le sue proprietà tecniche isolanti e acustiche e non è portante. Principalmente impiegato come mattone pieno, può avere anche altre forme con alveoli, l'importante è che sia direttamente appoggiato su strutture intelaiate portanti quali l'acciaio, il calcestruzzo armato ed il legno. 

A seconda del dosaggio della quantità di calce, il biomattone può essere confezionato per sopportare camminamenti, dotandolo di un certo grado di resistenza a compressione, ma il suo impiego ottimale è per la realizzazione di isolante sottotetti o muri di tompagno.

La presenza della canapa suddetta, è spiegata dal fatto che, tale pianta, ha capacità di assorbire grandi quantità di anidride carbonica (CO2) e di umidità nella fase di indurimento fino alla solidificazione. Il biomattone, rigido e leggero, ha l'ulteriore capacità di rilasciare l'umidità nell'aria, ottenendo permeabilità al vapore e comfort ambientale. La canapa è la pianta che produce più biomassa al mondo, dati statistici rivelano che  cresce in soli quattro mesi fino a quattro metri di altezza ed assorbe biossido di carbonio.

 

Per maggiori informazioni contattare:

www.equilibrium-bioedilizia.com

"e in verità, per quanto io conosco le più antiche costruzioni, oserei affermare senz'altro che in fatto di praticità costruttiva, sotto qualsiasi punto di vista, nessun materiale è più conveniente del mattone".                                                              L. BATTISTA ALBERTI (da De re aedificatoria, libro II, cap. X).

 

Martedì, 19 Ottobre 2010 13:02

Conoscere e utilizzare correttamente i chiodi

int

 

 

L’utilizzo appropriato dei chiodi

 

 

Diversi sono tipi i chiodi ed ognuno di essi ha un nome ed uso specifico. Impariamo a riconoscerli attraverso la seguente vignetta.

 

           disegno-vari-tipi-di-chiodi

 

1) Bullette a testa sfaccettata con gambo corto e sottile. Il loro utilizzo è per fissare il rivestimento in stoffa per poltrone, divani, ecc…

2) Chiodi con gambo a sezione quadrata forgiati a mano. Difficile trovarli in commercio e venivano impiegati per portoni e travi in legno.

3) Bullette a testa liscia molte usate per lavori di tappezzeria in stoffa.

4) Gruppini dette anche Punte di Parigi, con testa appena accennata e gambo di forma conica, con dimensioni a partire da 10 mm (millimetri). Si nascondano perfettamente con un po’ di stucco per legno, infatti sono molto impiegati per fissare i telai delle porte interne.

5) Gruppini in acciaio da usarsi su materiali molto compatti o legni duri.

6) Punte da muro in acciaio, utilizzate per il fissaggio dei battiscopa o zoccolino, ed hanno la caratteristica di un’ottima penetrazione nel cemento, con largo impiego nell’edilizia.

7) Chiodi in ferro per lavori di falegnameria con lunghezza fino a 60 mm. Essi se utilizzati su legno duro si piegano.

8) e 9) Semenze da calzolaio con gambo a sezione quadrata e testa larga, utilizzate per la riparazione delle suole della calzature ed hanno un rivestimento atto a prevenire l’ossidazione.

10) Chiodi sottili per lavori di falegnameria, spesso utilizzati con pistole a funzionamento pneumatico:

11) Cambrette con gambo a forma di U, impiegate per fissare reti metalliche a supporti di legno.

 

In ogni caso, per i meno esperti del “fai da te”, prima dell’acquisto dei suddetti chiodi, spesso venduti in confezione, è preferibile spiegare al rivenditore quale lavori in casa si intende fare ed in che modo.

 

Per maggiori informazioni contattare:

 

Brico Center 

Via Villanova, 29/4
Castenaso (BO)
Telefono:051/781730
Fax:051/6053022

www.bricocenter.it

 


 

arch. Enrico Mecheri

 

Articoli correlati

 

Come scegliere il martello per lavori in casa

Giovedì, 13 Gennaio 2011 16:40

Mini Ascensore - ConsiEdilizia.it

Rendere accessibile la tua casa con un mini ascensorconviene! Fino a dicembre 2017 combinando le detrazioni IRPEF ed il contributo della Legge nr. 13/89 . Per usufruire di:

  1. IVA agevolata al 4%;
  2. Contributo legge 13/89 fino al 75%;
  3. Sgravi fiscali del 50%.

In fondo all'articolo il Calcolo del Contributo! Per saperne di più clicca qui.

Nella progettazione di ville, case unifamiliari, bifamiliari, se siamo di fronte alla richiesta di sviluppare gli ambienti su due livelli, per motivi di vincoli urbanistici o altro, ci preoccuperemo di inserire solo il vano scala, ma se invece, il manufatto edilizio si sviluppa su tre livelli, è allora opportuno, pensare di inserire un mini ascensore.

 

mini-ascensore

mini ascensore_grafico

 

Esso viene costruito su misura ed è possibile installarlo anche in spazi molto ridotti. Infatti il più piccolo, così come dimensionato nel grafico, è installabile in un vano di muratura portante di soli  66 cm x 80 cm.

mini ascensori  possono servire anche 5 piani e nonostante le ridottissime dimensioni, sono dotati di dispositivi di sicurezza paragonabili a quelli dei "grandi ascensori" quali il sistema anti-caduta, anti-schiacciamento e, a richiesta, il telefono interno di serie. In caso di sospensione di energia elettrica, un apposito comando permette la discesa al piano inferiore e l’apertura delle porte.

In pratica è progettato in aderenza ai dettami del Testo Unico n. 81/08 e succ. mod. ed integr.
Il sollevamento avviene a mezzo di un cilindro idraulico con una Velocità 0,15 m/s (metri al secondo).

La qualità dei materiali impiegati per la costruzione, l’attenzione ai particolari ed alle rifiniture, insieme con i numerosi accessori disponibili rendono il mini ascensore perfettamente integrabile ed in armonia con gli interni e/o gli esterni dell’edificio e dell’ambiente nel quale viene installato.
Sicuro ed affidabile in ogni circostanza è certificato CE, IMQ e TÜV.

L’azienda Ceteco srl, è in grado di installare il mini ascensore in pochi giorni lavorativi, previo sopralluogo dei tecnici specializzati, ed avviene un doppio collaudo: prima della consegna in officina e dopo l’installazione presso il cliente e prima della messa in servizio.

 

Per maggiori informazioni contattare “Ceteco srl”  Via S. Cannizzaro, 2 - 56121  Pisa - Italy
Tel. (+39) 050 955.111 - Fax. (+39) 050.982.255

www.ceteco.it

 


 

Enrico Mecheri, architetto

 

 


Notice: Constant _JEXEC already defined in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 3

Notice: Constant JPATH_BASE already defined in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 4

Notice: Constant DS already defined in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 5

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 11

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 13

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 14

Calcolo del Contributo (Legge 9 gennaio 1989, n. 13 e Circolare Ministeriale – Ministero dei Lavori Pubblici 22 giugno 1989, n. 1669/U.L.)




Notice: Undefined index: importo in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 34

Notice: Undefined index: eta in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 35

Warning: number_format() expects parameter 1 to be double, string given in /home3/s4c7v0d8/public_html/consiedilizia.it/disabili.php on line 39
calcola

Progettare il Soppalco - Esempio di Soppalco in Plexiglass

Nelle abitazioni di antica costruzione dei centri storici, ma anche in quelli periferici, vi sono altezze che consentono di progettare il soppalco. 

Pagina 1 di 34