Giovedì, 07 Febbraio 2013 16:08

Arriva Napo : Soluzione Anticrisi Commercianti

Soluzioni Anticrisi Napoli

 

Potrebbe essere la soluzione anticrisi per il rilancio delle attività commerciali a Napoli ed in particolare del Centro Storico, già messo a dura prova dalle ZTL.

Il Napo è un buono sconto distribuito dal Comune di Napoli ai turisti in visita a Napoli ed ai residenti che dimostrano senso civico. Qual'è la dimostrazione del senso civico? Recarsi presso gli sportelli dell'URP – Ufficio Relazioni con il Pubblico – presso il Palazzo S. Giacomo, sede appunto, dell'Amministrazione Comunale e le Municipalità dislocate sul territorio Partenopeo, con l'ultima bolletta pagata ARIN S.p.A. .

 

Esaminiamo i tre impieghi dei buoni Napo, graditissima iniziativa fino alla fine del 2015, per il turismo a Napoli e non solo.

 

  • ogni 10,00 euro di spesa si può utilizzare un buono Napo. Se la spesa è inferiore alle 10,00 euro, non è possibile utilizzarlo. I commercianti aderenti all'iniziativa, promossa dall'Assessore al Commercio ed Attività Produttive del Comune di Napoli nella persona di Marco Esposito, dovrà fatturare solo l'importo in euro incassato. Infatti l'incasso in Napo è esente da scontrini e imposte perchè non è una moneta.

  • I Napo vengono consegnati in una spesa del 10% a chi non ne possiede: esempio con una spesa di 30,00 presso i commercianti aderenti all'iniziativa, si ricevono 3 coupon, spendibili successivamente. Anche il commerciante può spendere i Napo come qualunque consumatore. Lo scopo è quello di incrementare il potere di acquisto.

  • Inoltre si può effettuare una raccolta degli stessi come per le raccolte punti, e riconsegnarli al Comune. Nei quartieri dove risulteranno maggiori buoni, inizieranno lavori di arredo urbano.

Per quanto concerne i benefici:

  1. viene premiato il turismo a Napoli insieme ai cittadini residenti;

  2. rappresenta un buono fedeltà nei confronti di chi spende in città. La spesa effettuata presso i grandi centri commerciali torna al commerciante o all'artigianato di quartiere;

  3. fidelizzare chi proviene dalla provincia e non possiede i Napo;

  4. premiazione dei consumatori ed i commerciani che raccoglieranno più buoni, in quanto il Comune avvierà lavori di arredo urbano.


 


Fonte: Assessore Marco Esposito e Arin S.p.A.


News in Città

Pubblicato in Napoli