Lunedì, 04 Aprile 2016 07:37

Sicurezza Cancelli Motorizzati: Chi è il Responsabile?

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Cancelli Motorizzati

Scrive l'utente Mario Rossi in merito ad un quesito che, a tutt'oggi, è oggetto di frequente aggiornamento nel forum.

"Ho un cancello in ferro delimitante l'ingresso della mia proprietà. Era apribile a mano e costruito da mio padre circa 25 anni da

un bravo artigiano". Volevo rivolgermi a lui per l'installazione di una motorizzazione dell'apertura. La sua ditta non esiste più. Ho 2 preventivi lavori edili grazie anche al servizio del vostro sito e delle imprese presenti. Il primo preventivo è molto alto in quanto prevede la demolizione del cancello esistente con sostituzione totale con un nuovo cancello motorizzato, mentre l'altro preventivo, prevede solo i lavori di adeguamento per l'integrazione della motorizzazione, comprensiva di un piccolo scavo stradale per passaggio cavi elettrici. Nel caso scegliessi di far eseguire solo la motorizzazione del cancello esistente, chi è il responsabile della sicurezza? Il costruttore artigiano o l'installatore?

Per la community del forum, il Sig. Mario Rossi ha concesso la pubblicazione della seguente risposta:

La Direttiva Macchine 2006/42/CE del Parlamento Europeo sancisce che l'installatore che installa un cancello motorizzato oppure motorizza un cancello manuale esistente diventa il costruttore del cancello stesso. Pertanto è responsabile non solo della parte elettrica ma anche di tutte le condizioni di sicurezza del cancello.

Precisiamo che le Direttive sono disposizioni di Legge Nazionale.

L'installatore che motorizza un cancello nuovo deve richiedere al fabbricante, anche per il tramite dell'acquirente del cancello, la dichiarazione di prestazione Dop che è l'acronimo di “declaration of performans” di cui all'art. 4 del CPR che il fabbricante è obbligato a redigere ai sensi dell'art. 11 del regolamento stesso. Pertanto chi realizza la parte strutturale del cancello è individuato nella figura del fabbricante ai sensi del CPR, mentre l'installatore della parte meccanica per la motorizzazione, è invece il costruttore del cancello motorizzato nella sua interezza ai sensi della Direttiva Macchine.

Tornando alla motorizzazione dei cancelli esistenti, resta invariata l'opportunità per l'installatore di avvalersi della dichiarazione del fabbro infatti i cancelli esterni esistenti non sono assoggettati alla Dop e quindi non sono soggetti al CPR.

Letto 1048 volte Ultima modifica il Giovedì, 31 Marzo 2016 15:09
Devi effettuare il login per inviare commenti