user_mobilelogo
Mercoledì, 21 Ottobre 2009 15:57

La Posa di un Nuovo Pavimento su quello Esistente: Risparmio e Praticità

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sono diverse le motivazioni per la sostituzione del pavimento. Una di esse, ad esempio, è quella estetica, infatti le pavimentazioni attuali presentano svariate combinazioni cromatiche e sono migliorate tecnicamente.

Altre cause di sostituzione sono per il ripristino di impianti obsoleti e ammalorati sottostanti al pavimento stesso, ad esempio quando l’impianto idrico del bagno o della cucina è da rifare ex novo.

Posa di nuovo pavimento su vecchio pavimento 

Talvolta la motivazione è di usura dovuta a traffico, urti per cadute di oggetti (shock accidentali), sollevamento delle piastrelle per escursione termiche o scosse telluriche (terremoto).

Per la sostituzione si procede con 

la demolizione della vecchia pavimentazione attraverso l’impiego del del martello demolitore. Tale intervento comporta notevoli rumori e vibrazioni, generando fastidiose lamentele per chi abita in condominio. Si aggiungano i maggiori costi da parte dell’impresa per il trasporto a rifiuto, nonché gli oneri di discarica. Entrambi gravano sul cliente.

Dopo la demolizione occorre rifare il nuovo massetto e livellarlo con l’uso della staggia. Ed infine, si ponga l’attenzione sui lunghi tempi di immobilizzo cantiere che si tramutano in danno economico.

 

 Preparazione e Raccomandazioni

 

Ispezionare il pavimento esistente, sondandolo con un martello, per assicurarsi che sia ben ancorato.

Se sono presenti piastrelle distaccate o lesionate, è opportuno fissarle con l’applicazione di un collante rapido.

Segue il lavaggio con detergente professionale, il risciacquo abbondante e l’asciagatura in modo naturale, aerando il locale con porte e finestre aperte.

Per parquet, moquette, vinilici, linoleum, gomma con residui di colla, si applica lo sverniciatore e si asporta il tutto meccanimente (con spazzole rotanti), si spolvera accuratamente la superficie oggetto d’intervento, e si applica uno strato di pellicola con proprietà livellante prima del collante.

sonda-con-martello applizazione-pellicola

Trascorse 24, 48 ore circa, dalla posa delle piastrelle, stuccare le fughe lasciando un giunto di almeno 5 mm lungo tutte le pareti perimetrali ed i pilastri.

Si procede stendendo e schiacciando con la parte liscia della spatola, un collante professionale per piastrelle. Si riga successivamente il collante con la parte dentata.

Posare le nuove piastrelle sul collante fresco, battendole e registrandole con martello di gomma.

 

Per maggiori informazioni sull’acquisto e sull’impiego dei prodotti contattare: 

“weber & broutin Italia srl” – Via Sacco e Vanzetti, 54 – Z.l.1 – 41042 Fiorano Modenese (MO)

 E-mail: info@weber-broutin.it – htpp: www.weber-broutin.it


 Enrico Mecheri, architetto 

 

Articoli correlati

 

Rete Antifessurazione nella Posa del Parquet 

 

La vernice per il parquet eco-compatibile

 

L'adesivo eco-compatibile

 

Il massetto eco-compatibile

 

Il Prezzario On-Line - ConsiEdilizia.it

 

Letto 6317 volte Ultima modifica il Lunedì, 31 Marzo 2014 09:52
Devi effettuare il login per inviare commenti