Giovedì, 17 Marzo 2016 15:37

Sicurezza Connessa: Tutto è Possibile con il Wi Fi

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Diabolik

Quando pensi ad un auto o alla casa con sicurezza connessa, pensi che non è alla portata di tutti. Sbagliato! Da oltre 10 anni la casa connessa, in altre la parole la casa progettata con domotica, non è niente altro la possibilità di disporre di una casa governata da dispositivi connessi tra loro e

con il mondo e quindi dispositivi intelligenti.

La vasta gamma di sicurezza connessa wi fi offerta dal mercato e l'importanza stessa della scelta pongono diversi interrogativi a chi desidera proteggere la propria auto, moto, abitazione o altro con il miglior connubio possibile tra costo e sicurezza. Per quanto concerne la sicurezza casaIn Italia ogni anno vengono saccheggiate oltre 180.000 abitazioni, in pratica una casa ogni 3 minuti. I furti avvengono con o senza scasso. Se i lavori per casa sono terminati da tempo e non si ha voglia di effettuare modifiche agli impianti, si possono scegliere i sistemi senza fili che controllano ogni ambiente 24 ore su 24. I sistemi tecnologici proposti sul mercato da oltre un ventennio come Bticino, si attivano non solo per il furto, ma proteggono la casa anche in caso di allagamento o incendio. L'allarme si attiva anche per le emergenze mediche.

I sistemi suddetti, con i loro apparecchi a sensori, avvertono telefonicamente, a mezzo posta elettronica con una mail, messaggio sms istantaneo o messaggio vocale sul proprio smartphone, collegandosi con la centrale di sorveglianza.

Analogo discorso per le auto e le moto. Entro i prossimi 5 anni, si stimano 250 milioni di auto connesse.

Tali sistemi per la sicurezza connessa casa sono in grado di avviare gli elettrodomestici, accendere o spegnere le luci, controllare le utenze in base ad orari precedentemente programmati come ad esempio accensione o spegnimento della caldaia per i termosifoni, termocamino, stufa a pellet e altri.

Per maggiori informazioni e costi consulta il Prezzario OnLine cliccando qui.

In merito ai rischi potenziali di cyberattacchi, si può garantire che la mobilità "connessa" non sia attaccabile almeno quanto lo è quella “offline”?

...larga sentenza ai posteri!

Letto 1952 volte Ultima modifica il Giovedì, 17 Marzo 2016 16:11
Devi effettuare il login per inviare commenti