Mercoledì, 25 Novembre 2009 15:50

Il Materasso in Lattice Naturale

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Da quasi 3 lustri, ormai, viene prodotto il materasso in lattice naturale.

Circa 50 anni fà, ma forse ancor di più, per il nostro riposo si utilizzava il 

materasso in lana.

Esso era periodicamente soggetto alla manutenzione del cardatore, il quale con uno strumento artigianale di propria costruzione, ripuliva ed allargava le ciocche di lana ammassatesi per il peso della persona.

part. lavorazione lana art. materasso 3

Per la cardatura si utilizzavano due tavolette di legno, quella superiore con manici di legno per lo strofinio avanti ed indietro delle ciocche della lana e quella inferiore per l'appoggio sulle gambe, contenevano, su entrambi le superfici, chiodi battuti fino alla testa e ripiegati dalla parte delle punte.

Tale strumento, come si nota dalle fgure, è interamente artigianale e a breve non è escluso la sua esposizione in una mostra. Il cardatore è ormai, una professione in via di estinzione.

L'operazione di cardatura avveniva in poco tempo nel seguente modo:

la lana inserita come in un sandwich tra le due tavolette, per effetto dello strofinio, fuoriusciva aumentata di volume.

Ma andando ancor di più indietro nel tempo, forse qualcuno ricorderà che il materasso era composto dai fasci di spighe di grano o paglia, appoggiato su una rete con tavola di legno.  Il materasso in lana, periodicamente, ogni due anni o a piacere, poiché subiva deformazioni dovute al peso del corpo, e schiacciamento della lana con riduzione dello spessore in altezza, doveva essere riaperto per allargare la lana ammassata, per poi essere ricucito previa essiccatura all’aria naturale.

Immaginate, per chi è a digiuno di quanto suddetto, del tempo che occorrerebbe oggi per gestire la manutenzione di un materasso in lana.

pianta-di-caucci materasso-in-lattice

Oggi, grazie alla ricerca e al progresso tecnologico sensibilissimi e attenti alla natura, sfruttando le qualità del lattice naturale che si estrae dalla corteccia delle piante di caucciù l’Hevea Brasiliensis  (grande albero proveniente dalla famiglia delle Euforbiacee), coltivate nella foresta della Amazzonia ma anche in altre parti del mondo, si ottiene il materasso in lattice naturale al 100%.

Esso presenta:

  • una struttura bialveolare che garantisce traspirabilità con assenza di acari e batteri (niente più allergie e dermatiti);
  • elevata elasticità con densità differenziata a 7 zone (più elastico al centro e meno elastico alle estremità), ciò evita compressioni alle parti sporgenti favorendo la corretta circolazione.

 materasso-in-lattice-2

È statisticamente provato che un materasso in lattice naturale aiuta a riposare meglio, ed è particolarmente indicato nei soggetti affetti da dolori cervicali, discopatie, dolori lombari, sciatalgie, ernia iatale, pesantezza alle gambe, cellulite, vene varicose, flebite e quant’altro.

 

Attualmente è previsto il materasso in lattice anche per il letto contenitore.

 

Per maggiori informazioni contattare:

 

Previdorm 

Tel. 800.914.936

www.previdorm.it

 


 

Enrico Mecheri, architetto

 

 

 

Clicca qui per tutti gli altri Servizi Gratis!  - Proteggi gratis il tuo telefonino con IMEI Bank ! 


 

 

 

Letto 2860 volte Ultima modifica il Giovedì, 27 Agosto 2015 16:05
Devi effettuare il login per inviare commenti